La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    La campagna “Italia, ripensaci”    

Italia  ripensaci  Italia  ripensaci 

La campagna “Italia, ripensaci”

La Campagna Senzatomica e la Rete Italiana Pace e Disarmo sono promotori della mobilitazione “Italia, ripensaci” rivolta al Governo Italiano affinché trovi le modalità per aderire al percorso del TPNW, e si impegnano a:

  • sensibilizzare i Comuni e le istituzioni a manifestare il proprio sostegno alla ratifica del Trattato da parte dell’Italia sottoscrivendo l’ICAN Cities Appeal
  • invitare i parlamentari di questa legislatura a sottoscrivere l’ICAN Parliamentary Pledge affinché il Parlamento italiano manifesti il proprio sostegno alla ratifica del Trattato da parte dell’Italia;
  • Con la sottoscrizione all’ICAN Cities Appeal e all’ICAN Parliamentary Pledge, le istituzioni e i parlamentari richiedono al Governo di farsi parte attiva del dibattito internazionale sul disarmo nucleare partecipando alla prima Conferenza degli Stati parte del TPNW che si terrà a Vienna nel marzo 2022, alla quale l’Italia può partecipare come “osservatore”.

La Campagna “Italia, ripensaci” si coordina con le altre campagne nazionali a sostegno dell’entrata in vigore del Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari, in primo luogo con quelle portate avanti nei paesi la cui situazione è più simile a quella italiana: il Belgio, la Germania e i Paesi Bassi, tutti paesi europei membri della Nato e che ospitano armi nucleari statunitensi sul proprio territorio.

L’87% dei cittadini italiani è favorevole all’adesione dell’Italia al TPNW e il 74% vuole che le testate nucleari statunitensi presenti in Italia nelle basi di Ghedi (BS) e Aviano (PN) siano rimosse dal nostro territorio, come evidenzia il sondaggio di ICAN di fine 2020.*

* Sondaggio condotto da YouGov per ICAN su un campione di oltre 1.000 persone nel novembre 2020 – Tutti i dettagli a questa pagina